.
Annunci online

ConvergenzeParallele
molto, ma molto sottili
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 90249 volte













«Per un paese, avere grandi scrittori è come avere un altro governo.
Questo è il motivo per il quale nessun governo ha mai amato i grandi scrittori,
 ma solo quelli minori».
(
Aleksandr Solgenitsin)

A SILVIO

Vita assaporata
Vita preceduta
Vita inseguita
Vita amata
Vita vitale
Vita ritrovata
Vita splendente
Vita disvelata
Vita nova

(Sandro Bondi)

«Mio figlio non è comunista.
E' stupido, inetto, idiota, comunista,
ma vi assicuro che non è una pornostar
».
(Abraham Simpson)


«Si è così profondi, ormai, che non si vede più niente.
A forza di andare in profondità, si è sprofondati.
 Soltanto l'intelligenza, l'intelligenza che è anche leggerezza,
che sa essere leggera, 
può sperare di risalire alla superficialità, alla banalità
»
.
(Leonardo Sciascia)

politica estera
Le conseguenze del dialogo
4 maggio 2011
Il 15 aprile dalle colonne del New York Times, il direttore Bill Keller si domandava dove  avrebbe portato l'America l'impulso di protezione: "Sembra sia cominciato uno di qui risvegli periodici dello spirito missionario americano che si manifesta in tutto, dalla silenziosa accondiscendenza ai consigli paternalistici, all'invio di divisioni corazzate".
L'intervento americano è una costante storica e ha sempre determinato la fortuna dei presidenti in carica. Nel suo articolo Keller fa un distinguo tra i risultati encomiabili, come il Piano Marshall e gli accordi di Dayton, e i meno, come l'aver fornito armi ai mujahidin contro i sovietici alla fine degli anni Settanta. Facile per i novellini del Duemila trarre conclusioni sull'incauto sostegno ai fondamentalisti.
A cosa porterà l'aver ottenuto la testa di Osama Bin Laden?
L'esultanza di una parte dell'America alla notizia dell'uccisione del leader dei Taliban è figlia della semplificazione che dal 2001 ha avuto bisogno di un mostro, un gigante da abbattere, perché il governo riuscisse a prendere tempo e indirizzare secondo comodo la paura della popolazione.
Osama Bin Laden, fuggito dal proprio paese e rifugiatosi nell'ospizio silvestre di Abbottabad, la "città dei pini", aveva ormai fatto il suo tempo. In terra afgana, invece, c'è movimento. L'amministrazione Obama sta aprendo al dialogo in vista del ritiro delle truppe Nato previsto per il 2014. Il conflitto deve rientrare nei ranghi ed era necessario che qualcuno perdesse la testa per conferire un assetto dignitoso alle trattative. Scrive il giornalista pachistano Ahmed Rashid sul Financial Times "Negli ultimi mesi il governo statunitense ha abbandonato la pretesa che i taliban taglino i ponti con Al Qaeda e accettino la costituzione afgana prima di avviare colloqui diretti. Ora Washington è disposta ad accettare che queste condizioni siano rispettate alla fine dei negoziati".
Il dialogo deve tornare civile. Quindi, tutti a lavarsi le mani, si rispettino i posti assegnati e non si giochi con le posate.

La testa di Oloferne, se non vi dispiace, la teniamo per dessert.
letteratura
In lettura...
12 aprile 2011
"Grande sostenitore dei Great Books - tutti letti due volte - zio Pete era sempre assorto in gravi pensieri e nella passione per l'opera italiana. In fatto di storia ammirava Edward Gibbon e, in letteratura, i diari di Madame de Staël. Gli piaceva citare il parere di quell'arguta signora sulla lingua tedesca: un idioma del tutto inadatto alla conversazione, perché bisogna aspettare la fine di una frase per sentire il verbo e perciò non si può interrompere"

Jeffrey Eugenides, Middlesex


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. discutere in tedesco

permalink | inviato da I. il 12/4/2011 alle 21:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica estera
Alla faccia dell'incongruenza
5 aprile 2011

Per la prima volta nella storia del Mali, Africa, il capo di governo è una donna. Si chiama Cisse' Mariam Khaidama Sidibe' e dal 2000 ha occupato la carica di segretario esecutivo del Comitato permanente interstatale per la lotta alla siccità nel Sahel.
Speriamo che la sua nomina possa far ripartire il dialogo sui diritti civili, per cui da tempo si stanno battendo le ong e le associazioni femministe. Un buon punto di partenza sarebbe la revisione del vecchio codice delle persone e della famiglia, alla quale si oppongono le autorità musulmane. Le modifiche prevederebbero, tra le altre cose, l'innalzamento a 18 anni dell'età legale per il matrimonio, il riconoscimento del matrimonio civile e la sostituzione del "dovere di obbedienza della sposa" con un più democratico "rispetto reciproco degli sposi".

In Italia, di contro, le donne decidono che il volto che più le rappresenta è quello di Manuela Arcuri, " sia per la sua bellezzatipicamente mediterranea, che per le capacita' artistiche".Nella classifica la seguono Paola Cortellesi e Luciana Littizzetto, per arguzia e ironia. Rita Levi Montalcini e Margherita Hack, come c'era da aspettarsi, figurano agli ultimi posti. E' una notizia farlocca, di costume, ma che tuttavia fornisce l'ennesima prova di come l'idea di femminilità in questo paese vada a stento oltre l'avvenenza e la turgidità delle forme fisiche, rimanendo spesso e volentieri impigliata tra i boccoli ben laccati delle vedette.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia donne mali

permalink | inviato da I. il 5/4/2011 alle 21:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
Possibilismo impraticabile.
19 gennaio 2010

Le temperature invernali hanno spinto molti a scaldarsi il cuore elargendo grandi riconoscimenti morali ai cari (!?) estinti. Bettino Craxi rimane pur sempre un grande statista, dicono.
Stordita dall'onda dell'emozione revisionista che sta facendo perdere i sensi all'Italia, cerco un'espressione adeguata per manifestare lo sconcerto.
Ci sono
.
Immaginate i bagordi di una notte vissuta da baccante.
Lasciate che i vostri neuroni lavorino.
Ora im
maginate lo stato d'animo di quella stessa baccante nell'attimo in cui scopre di essere stata ingravidata dal più coglione del villaggio.
Che dio ci abbia in gloria.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bagordi mentali

permalink | inviato da Isadora Duncan il 19/1/2010 alle 18:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
arte
Appunti sfacciati appiattiti su fondo oro - la Maestà di Duccio di Buoninsegna
10 gennaio 2010
Nessun intento didascattico.


I soliti noti su un grande pannello.
San Giovanni Battista è il più pezzente. Ha i capelli arruffati, la barba incolta ed indossa l'immancabile casacca pelosa. Per dirla tutta, puzza. Mi faccio spazio tra turisti ispanici e ne osservo meglio il viso, ha un'espressione tristemente accigliata. Gli altri, santi ed angeli, sono abbigliati come per le grandi occasioni. Pettinati, puliti e profumati mostrano il loro profilo migliore - quando possibile -, fieri e consapevoli del prestarsi ad una maestosa opera. L'oro sullo sfondo mi ricorda la carta spiegazzata di una monetina di cioccolato.


vabbè.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. appunti sfacciati

permalink | inviato da Isadora Duncan il 10/1/2010 alle 21:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile